Fiori di fiordaliso

Quali sono le proprietà cosmetiche dell’acqua di fiordaliso?

Il fiordaliso , detto anche garofano del grano, sta scomparendo come il papavero, purtroppo sterminato dai diserbanti selettivi utilizzati per massimizzare le colture cerealicole. I suoi bei capolini fioriti spuntano da maggio ad agosto, dopo la raccolta, la pianta viene essiccata all’aperto per poter utilizzare i suoi principi attivi.

Le proprietà del fiordaliso

Il fiordaliso è conosciuto sin dall’antichità per le sue proprietà astringenti,antinfiammatorie, depurative e diuretiche.

I suoi fiori azzuri sono un vero spettacolo per gli occhi.

La preparazione più famosa nel campo erboristico è l’ acqua fiordaliso, conosciuta come rimedio naturale in grado di ridare lucentezza, idratazione e aspetto più luminoso alla zona oculare. Questa famosa acqua è nata in Francia, dove la pianta veniva chiamata “rompi-occhiali”.

Grazie alla presenza di alcune sostanze ad azione decongestionante è in grado di idratare la pelle, e renderla più elastica. Essendo una pianta cosi delicata, Il Fiordaliso può esser utilizzato per la preparazione di contorno occhi e creme , anche per le pelli più sensibili come quelle dei bambini.

Non solo idrata in profondità , ma è in grado di andare ad alleviare i fastidi ed i bruciori di importanza maggiore, come nel caso di orzaioli e congiuntiviti.

L’acqua di Fiordaliso può esser utilizzata non solo come collirio o impacco per la zona oculare, ma anche come idratante della pelle e dei capelli.

Se si vuole preparare in casa, sarà sufficiente acquistare presso l’Erboristeria 500 gr di Fiori freschi essicati, che andranno messi in 500 ml di acqua distillata, si deve far bollire per circa 15-20 minuti il composto, dopodichè filtrare con una garza e colino in modo da filtrare bene il composto e conservarlo in uan bottiglietta di vetro scura , per circa un mesetto, possibilmente in un luogo fresco.

Se invece si desidera acquistare il prodotto già pronto all’uso, si trova in commercio presso i rivenditori autorizzati.

Lascia un commento