Echinacea

Le proprietà benefiche dell’echinacea

L’Echiancea, come tutti sapranno è una pianta molto conosciuta per le sue proprietà benefiche, ma in pochi certamente conosceranno gli effetti indesiderati, che purtroppo ha.

A chi serve e controindicazioni sull’echinacea

Essendo una pianta stimolante è controindicata per i soggetti che hanno patologie autoimmuni, per coloro che seguono una terapia con immunosopressori perchè interagisce con i farmaci e per tutti coloro che possono esser allergici a qualche compontente attivo in essa contenuto.
Inoltre si sconsiglia alle donne in gravidanza, a coloro che stanno allattando e ai bambini molto piccoli, in quanto non hanno bisogno di stimolare il loro sistema ,ma al massimo di modulare la loro risposta immunitaria.
Detto ciò, per i soggetti ‘sani’, che non hanno allergie o problematiche immunitarie è molto utile e non presenta nessun tipo di tossicità o effetti secondari.

Echinacea: storia e proprietà

L’Echinacea fa parte della Famiglia delle Asteraceae, in genere per le preparazioni fitoterapiche vengono usate le radici. Esistono in natura tre varietà di Echinacea, ognuna di essa contiene un costituente che la caratterizza. Echinacea angustifolia, la purperea e la pallida.
L’attività principale dell’Echinacea è appunto quella immunobiologica. Possiede inoltre proprietà antinfiammatoria, immunostimolante, antivirale, insetticida, blandamente antibiotica e corticosimile.  Essa è in grado di individuare i virus, batteri, funghi e distruggerli. Senza recare alcun danno all’organismo.
Ha la capacità di creare una barriera difensiva immediata ,mettere cioè in allarme il sistema immunitario ed un’ altro tipo di barriera mirata, ossia quella più combattiva, di ‘distruzione dei virus’.
Viene utilizzata nel trattamento delle malattie da raffredamentotosse, mal di gola, sia nella cura che sopratutto nella prevenzione, utile per ‘ preparare l’organismo agli eventuali attacchi, fa si che il nostro sistema immunitario si prepari meglio in caso di malattie.
Consigliata l’assunzione prima della stagione fredda, proprio in prevenzione. Se il soggetto non ha particolari problemi, può esser associata l’uso dell’Echiancea ad altri farmaci o vacini. Non ha interazioni con essi.

L’Echinacea può essere utilizzata anche per uso esterno, è un ottimo rimedio in caso di ulcere,ferite aperte, ustioni, afte e dermatiti.

In commercio è disponibile sottoforma di :
– Estratto fluido, si consigliano 55 gocce al giorno
– Estratto secco titolato in echinacoside minimo 0.6 % 227mg/ per cps, due capsule al giorno — come terapia, una solo capsula in prevenzione.
– Tintura madre: 30/ 50 gocce una o tre volte al di, a seconda della necessità.

Lascia un commento